Il territorio delle Marche vanta la produzione di ottimi vini sin da tempi preromani. I primi viticultori furono gli Etruschi, i Piceni e infine i veterani romani. Fu grazie a questi ultimi che la notorietą di queste pregiate coltivazioni si diffuse col tempo in tutto il territorio romano e rimase tale, grazie alla sua alta qualitą, anche nel Medioevo e nel Rinascimento.
Presente come coltivazione nel lungo periodo della mezzadria, diviene nell'epoca moderna punto di forza dell'economia di questa zona della regione.
Le coltivazioni del Verdicchio di Jesi Classico e del Rosso Piceno si estendono dalle campagne di Jesi sino a Morro d'Alba, dove vengono affiancate dall'omonimo vitigno Lacrima di Morro d'Alba, che viene coltivato anche nel territorio di Senigallia.
Numerose le aziende vinicole che s'incontrano lungo il percorso e che offrono la possibilitą di visite guidate che illustrano le varie fasi di produzione, permettendo al turista di avvicinarsi a questo particolare mondo in cui le tecniche moderne incontrano le tradizioni antiche.

Several excellent wines are produced in the Marche region. The first viticulturists were the Etruscans, the Piceni and the Romans.
These wines kept their good quality in the Middle Ages and in the Renaissance .
times. What during the sharecropping period was considered as a mere cultivation, in modern times has become an asset in the economy of this area.
The vineyards of Verdicchio di Jesi Classico and Rosso Piceno there is the Lacrima di Morro d'Alba, also cultivated in Senigallia.
In this area there are many wineries, which offer the opportunity of making guided tours showing the different phases of wine production, where modern techniques often meet ancient traditions.